Sirene spianate

Pesante come un macigno
e terribilmente straziatante
è stato il mio grido d’aiuto
una notte d’estate,
le luci blu e una sirena spianata
per me il silenzio più assordante,
Per gli altri il terrore e l’attesa.
Pesante come un macigno è
la verità da portarsi dietro
la verità da dire agli altri,
la verità da spiegare alla famiglia,
E successivamente ai medici.
Ma sono viva
la verità è anche questa,
Sono viva e con le mie piccole gambe
faccio passi da gigante verso
una vita più spensierata,
verso il cambiamento e la stabilità
e con questi versi cerco la serenità.

Tutto si divide

Tutto si divide
come i genitori,
come le famiglie che si distruggono,
come le amicizie che prendono le distanze,
come le mani che dopo essersi sfiorate
o tenute strette a lungo poi
poi si lasciano andare.
Tutto si divide
come i cuori che si sono amati
l’uno con l’altro
come i petali dei fiori ormai appassiti
o come le foglie degli alberi
che si abbandonano nel vuoto durante l’autunno.
Tutto inevitabilmente si divide
come quando strappi via la metà d’un pane,
come quando tagli la metà d’una mela,
insomma come quando rubi
a ciò che è intero la sua metà,
o come quando per una vita una morte.
Tutto si spezza
si rompe o vien portato via
non ci si può far niente
perché nella magior parte dei casi fondamentalmente è tutto costruito
però dagli altri.
E le persone alla fine dei conti
sono fatte di carne e di mille altri pezzi
ed inevitabilmente quei pezzi si rompono si sostituiscono o si dividono.
Tutto si divide ma non è mai tempo

Se mi cerchi, apri le tue mani, è li che mi troverai

Ho atteso a lungo più di ogni altra cosa questo momento

ho desiderato ardentemente d’arrivare a questo punto,

ed ora mi sembra tutto così strano e leggero.

La mia anima brucia a pronunciare queste parole,

ma tu m’hai trovata, mi hai messa a nudo,

ed ora il mio cuore è tuo, come la mia fragile anima.

Hai trovato il modo, m’hai fatto perdere la testa,

m’hai accarezzato ed ora la mia pelle bianca

non ha altro desiderio se non le tue mani calde,

ed al solo pensiero s’aggrinza in un fascio di pelle d’oca.

I miei occhi con te s’illuminano d’una luce sconosciuta,

mai scoperta, mai avvistata.

Hai trovato il modo per farmi rifiorire,

ti sei fatto spazio senza troppi problemi

in uno dei momenti forse peggiori della mia vita,

decidendo di tenermi la mano e farmi forza tutti i giorni;

Senza paura hai nuotato insieme a me

immezzo al mare di merda nel quale sono finita.

Ti sei fatto spazio dentro me, senza fare troppe domande,

Ed ora insieme a te sento di rinascere

come fosse la prima volta, sento di sbocciare,

e la vita è un pò meno dura con te accanto.

Hai trovato il modo, mi stai facendo rinascere

e ti devo la vita, perché con te accanto il mio dolore è un pò più muto,

con te accanto ho meno voglia di morire,

con te accanto tutte le pillole da prendere sono più facili da ingerire.

E quando mi cercherai se mi cercherai

tra le tue mani mi troverai,

nelle tue forti mani per tutta la vita mi troverai.